Utenti registrati: 2374

Ci sono 2 utenti registrati e 62 ospiti attivi sul sito.

alegiane / tostoinu

Ultimo commento

buzzbomber su Frigidaire # 1

Login




Recupera password




[torna indietro]
ATTENZIONE:Per registrarsi su Comicsbox collegati da un computer desktop o tablet

Non sei registrato? Iscriviti subito!


Vai alla pagina Facebook
Vai alla pagina Twitter
ComicsBox
Capitan America Ed Brubaker Collection # 13

Oggi è il nuovo Capitan America, ma Bucky in passato era il famoso killer chiamato il Soldato d'Inverno, e ora c'è chi vuole che paghi per i crimini commessi in quegli anni!
Difesa e accusa si scontrano sui banchi del tribunale ma non solo, in un'appassionante saga che cambierà il futuro non solo di Bucky.
Un maxivolume con due saghe complete, IL PROCESSO DI CAPITAN AMERICA e GULAG, scritte da Ed Brubaker!

Capitan America Ed Brubaker Collection # 13

Il Processo di Capitan America
Panini Comics Aprile 2019
Captain America vol 1 # 611
Captain America
Il processo di Capitan America, pt 1
Ed Brubaker (script) / Daniel Acuña (art) / Daniel Acuña (inks)
Il Barone Zemo ha reso pubblico il passato segreto di James "Bucky" Barnes, l'attuale Capitan America, rivelando i suoi trascorsi come "Soldato d'Inverno", un killer addestrato e manipolato dal KGB per combattere gli Stati Uniti nella Guerra Fredda. Con i media impazziti, Steve Rogers incontra Tony Stark, la Vedova Nera, Occhio di Falco e Mimo, discutendo con loro la delicata situazione. Rogers intende difendere il suo vecchio amico avvelendosi di un dossier del KGB in cui è spiegato come il Soldato d’Inverno fosse stato manipolato mentalmente e non consapevole dei numerosi omicidi compiuti nell'arco di trent'anni. Alcuni Vendicatori, che non erano a conoscenza del passato di Barnes, manifestano il loro disappunto ma alla fine tutti sono concordi nel dargli un'altra possibilità. Nel frattempo, Barnes, nei panni di Capitan America, affronta un gruppo neonazista in un magazzino di New York scoprendo che Master Man sta per tornare. Raggiunto da Steve, Bucky viene messo al corrente della situazione ma il nostro protagonista preferisce affrontare il passato e scagionarsi dalle accuse. I notiziari di tutto il mondo non parlano di altro e le immagini di Capitan America che si consegna alle autorità arrivano fino al manicomio criminale, lì dove è rinchiusa Sin, la figlia del Teschio Rosso.

22 pagine

protagonisti: Captain America (James Barnes), Steve Rogers, Black Widow, Tony Stark, Hawkeye, Mockingbird, Sin (Synthia Schmidt)

da Captain America vol 1 # 611, Marvel Comics (Dic 2010)
Captain America vol 1 # 612
Captain America
Il processo di Capitan America, pt 2
Ed Brubaker (script) / Jackson Butch Guice (art) / Jackson Butch Guice (inks)
In attesa del processo, James Barnes si trova in una cella di isolamento temendo di non poter più tornare alla sua vita e perdere il ruolo di Capitan America. Steve Rogers, insieme a una sua amica, l'avvocato Bernie Rosental, preparano una strategia legale per cercare di difenderlo in tribunale. L'avvocato decide di tenere Bucky lontano dal banco degli imputati per limitare al minimo la rivelazione dei dettagli della sua vita come Soldato d'Inverno. Steve incarica Falcon e la Vedova Nera di trovare un esperto in grado di dimostrare che Bucky era sotto controllo mentale. I due eroi si introducono in un palazzo di Chicago dove, superato alcune guardie armate, raggiungono e arrestano il Dottor Faustus, il manipolatore mentale alleato del Teschio Rosso. Nel frattempo, Master Man e i suoi uomini liberano Sin dall'istituto psichiatrico in cui era rinchiusa, proclamandola come il nuovo Teschio Rosso.

22 pagine

protagonisti: Captain America (James Barnes), Steve Rogers, Bernie Rosenthal, Black Widow, Falcon, Doctor Faustus, Master Man III, Sin (Synthia Schmidt)

da Captain America vol 1 # 612, Marvel Comics (Gen 2011)
Captain America vol 1 # 613
Captain America
Il processo di Capitan America, pt 3
Ed Brubaker (script) / Jackson Butch Guice (art) / Stefano Gaudiano (inks) / Rick Magyar (inks) / Jackson Butch Guice (inks)
Sin, la figlia del Teschio Rosso, è fuggita dal manicomio criminale in cui era rinchiusa. Falcon e la Vedova Nera analizzando i filmati dei video della sicurezza scoprono che è stato Master Man a farla fuggire. Nel frattempo il Dottor Faustus, messo alle strette da Steve Rogers, accetta di testimoniare al processo di James Barnes per dimostrare che quando quest'ultimo agiva come Soldato d'Inverno era condizionato mentalmente. Il giorno del processo Sin fa pervenire all'accusa un video in cui dichiara che James Barnes fin dall'inizio, ancora prima di essere stato catturato dai russi, lavorava per il Teschio Rosso. Il video fa il giro di tutte le televisioni contribuendo a intaccare l'immagine già precaria dell'ormai ex Capitan America fatto passare per un traditore del paese. Intanto, mentre Falcon e la Vedova Nera, cercano di rintracciare Sin, quest'ultima mette in moto la fase successiva del suo piano preparandosi a far saltare la Statua della libertà.

22 pagine

protagonisti: James Barnes, Steve Rogers, Black Widow, Sharon Carter, Falcon, Bernie Rosenthal, Doctor Faustus, Master Man III, Red Skull (Sinthea Schmidt)

da Captain America vol 1 # 613, Marvel Comics (Feb 2011)
Captain America vol 1 # 614
Captain America
Il processo di Capitan America, pt 4
Ed Brubaker (script) / Jackson Butch Guice (art) / Stefano Gaudiano (inks) / Rick Magyar (inks) / Mark Morales (inks) / Mike Perkins (inks) / Tom Palmer Jr (inks)
Falcon e la Vedova Nera si mettono sulle tracce di Master Man ma giunti in un magazzino del porto vengono sorpresi e catturati dal criminale nazista. Nel frattempo al processo di James Barnes, Bernie Rosenthal chiama a testimoniare il Dottor Faustus, il quale per dare una dimostrazione di come agisca il controllo mentale, usa le sue capacità per ipnotizzare l’avvocato accusatore e spingerlo ad aggredire il giudice. Il processo subisce un ulteriore interruzione quando in aula si presenta un agente di Sin - subito neutralizzato da Bucky e Steve - che riferisce a loro che la figlia del Teschio Rosso ha rapito Falcon e la Vedova Nera e che minaccia di ucciderli e distruggere la Statua della Libertà se Bucky non prenderà il loro posto. Ovviamente il giudice non permette a Bucky di andare, poiché ancora in arresto, e Steve si offre di fermare Sin al suo posto. Durante il viaggio di ritorno alla prigione, Faustus, credendo di aggravare la situazione di Bucky, lo libera. Il nostro eroe indossa subito il costume di Capitan America e si precipita alla Statua della Libertà per liberare i suoi amici.

22 pagine

protagonisti: Captain America (James Barnes), Steve Rogers, Black Widow, Falcon, Sharon Carter, Bernie Rosenthal, Doctor Faustus, Master Man III, Red Skull (Sinthea Schmidt)

da Captain America vol 1 # 614, Marvel Comics (Mar 2011)
Captain America vol 1 # 615
Captain America
Il processo di Capitan America, pt 5
Ed Brubaker (script) / Jackson Butch Guice (art) / Stefano Gaudiano (inks) / Jackson Butch Guice (inks) / Rick Magyar (inks)
James "Bucky" Barnes, Capitan America, si trova nell'isola della Statua della Libertà a combattere contro Sin e Master Man. In difficoltà nel respingere i colpi del super nazista, in suo aiuto arriva Steve Rogers e Sharon Carter che si uniscono alla battaglia. Bucky si precipita da Falcon e la Vedova Nera liberandoli prima di essere colpito da Sin che cerca di fuggire con un jet pack. Capitan America cerca di afferrarla al volo ma precipita nel vuoto venendo afferrato da Falcon prima che possa schiantarsi al suolo. Tornato nell'aula del tribunale, Bucky, dopo aver ascoltato l'arringa del pubblico accusatore incentrata sul fatto che i supereroi vengono sempre giustificati, si dichiara colpevole prendendosi la responsabilità delle sue azioni. Nonostante tutto il giudice emette la sentenza e lo ritiene innocente. Tuttavia la gioia della vittoria si spegne subito quando arriva un ambasciatore russo con un mandato di estradizione per il Soldato d'Inverno, già processato e condannato per i crimini in Russia.

22 pagine

protagonisti: Captain America (James Barnes), Steve Rogers, Black Widow, Falcon, Bernie Rosenthal, Master Man III, Red Skull (Sinthea Schmidt)

da Captain America vol 1 # 615, Marvel Comics (Apr 2011)
Captain America vol 1 # 616
James Barnes
Gulag, pt 1
Ed Brubaker (script) / Mike Deodato Jr (art) / Mike Deodato Jr (inks)
Al termine del suo processo negli Stati Uniti, James Barnes è stato arrestato dai russi perché ritenuto colpevole dei crimini compiuti nei panni del Soldato d'Inverno e incarcerato in una prigione in Siberia che si rivela essere un vero e proprio "gulag". Steve Rogers non ha potuto fare nulla per impedire l'arresto ed è costretto a usare l'arma della diplomazia. Bucky si ritrova così ai lavori forzati e quasi rassegnato a difendersi dagli altri prigionieri che lo ritengono un traditore. Tra questi troviamo Yuri Petrovich, ex Dinamo Cremisi, che ha un conto aperto con Bucky in quanto fu proprio il Soldato d'Inverno che lo sconfisse quando si ribellò ai suoi superiori. Petrovich ha una grande influenza tra i detenuti, e persino con il direttore del carcere, costringendo il nostro protagonista a combattere in un'arena contro Ursa Major in una devastante battaglia corpo a corpo.

15 pagine

protagonisti: James "Bucky" Barnes, Steve Rogers, Ursa Major, Crimson Dynamo (Yuri Petrovich)

da Captain America vol 1 # 616, Marvel Comics (Mag 2011)
Captain America vol 1 # 617
Captain America
Gulag, pt 2
Ed Brubaker (script) / Mike Deodato Jr (art) / Jackson Butch Guice (art) / Chris Samnee (art) / Stefano Gaudiano (inks)
James Barnes si trova prigioniero in un terribile gulag russo per i crimini commessi, dopo il lavaggio del cervello, come Soldato d'Inverno. Costretto ad affrontare Ursa Amjor in una sorta di arena, il nostro protagonista sconfigge il suo nemico ottenendo il rispetto degli altri detenuti. Qualche giorno più tardi, Bucky dopo aver rifiutato di allearsi a Niko Costantin e il suo gruppo, fa amicizia con un ex compagno del KGB, Alexi, scoprendo che il suo prossimo match in arena è contro Boris Bullski, l'ex super soldato sovietico Uomo di Titanio, creduto morto e invece incarcerato nel Gulag. Nel frattempo la Vedova Nera e Sharon Carter si trovano in Russia per scoprire la verità sugli omicidi per cui è stato incriminato il Soldato d’Inverno. Penetrate nel Dipartimento X le due spie vengono sorprese da parecchi aggressori armati. Intanto Steve Rogers, negli Stati Uniti, mette sotto torchio Henry Peter Gyrich, noto oppositore ai supereroi, sul suo ruolo nel trasferimento di Bucky in Russia. Prima che Rogers possa scoprire qualcosa di utile, un'esplosione segna l'entrata di un uomo in armatura dall'accento russo che cerca di uccidere Gyrich. Sventata la minaccia, Steve Rogers vuole immediatamente delle risposte da Gyrich.

30 pagine

protagonisti: James "Bucky" Barnes/Winter Soldier, Steve Rogers, Black Widow, Sharon Carter, Henry Peter Gyrich, Ursa Major, Titanium Man (Boris Bullski)

da Captain America vol 1 # 617, Marvel Comics (Giu 2011)
Captain America vol 1 # 618
Captain America
Gulag, pt 3
Ed Brubaker (script) / Jackson Butch Guice (art) / Chris Samnee (art) / Stefano Gaudiano (inks)
La Vedova Nera e l'Agente 13, entrate in Russia per compiere indagini sull'estradizione e l'arresto di Bucky, si liberano delle guardie che le avevano sorprese a curiosare tra gli archivi del KGB. Mentre la Vedova Nera decide di indagare più a fondo, Bucky, prigioniero in un gulag in siberia, si ritrova nuovamente a combattere nell'arena affrontando questa volta Boris Bullski, l'ex Titanum Man. In un cruento combattimento all'ultimo sangue, Bucky, sul punto di essere ucciso dal nemico, approfitta delle armi lanciate in campo dagli altri prigionieri per dar sfogo alla sua furia e sbarazzarsi con violenza inaudita di Bullski. Nell'ufficio del direttore, il colonnello Rostov osserva compiaciuto l'esito della battaglia soddisfatto che il Soldato d'Inverno stia perdendo il controllo. Il giorno dopo, approfittando di una rissa, Niko Constantin aiuta Bucky a fuggire verso le fogne. Il nostro protagonista però non vuole evadere, altrimenti sarebbe considerato un latitante anche negli Stati Uniti. A questo punto Constantin lo colpisce consegnado Bucky alle guardie. Al suo risveglio, Rostov lo informa che stanno cercando ciò che avevano nascosto nella sua memoria di Soldato d’Inverno: codici di attivazione per super-agenti dormienti della guerra fredda. Intanto, negli Stati Uniti, Steve Rogers interroga Gyrich il quale gli dice di aver ricevuto un dossier sulle missioni segrete in America del Soldato d’Inverno che lo ha spinto alla sua estradizione. Più tardi Nick Fury informa Steve che l'ambasciatore russo che aveva consegnato il dossier a Gyrich è stato ucciso da un vecchio, una spia sovietica, che a sua volta si è sucidata.

30 pagine

protagonisti: James "Bucky" Barnes/Winter Soldier, Black Widow, Sharon Carter, Steve Rogers, Henry Peter Gyrich, Titanium Man I
apparizioni: Nick Fury

da Captain America vol 1 # 618, Marvel Comics (Lug 2011)
Captain America vol 1 # 619
Captain America
Gulag, pt 4
Ed Brubaker (script) / Mitchell Breitweiser (art) / Jackson Butch Guice (art) / Chris Samnee (art) / Stefano Gaudiano (inks) / Chris Samnee (inks) / Mitchell Breitweiser (inks)
A bordo di un elicottero, la Vedova Nera raggiunge il gulag in siberia decisa a far evadere Bucky. Nel frattempo, all'interno del carcere, il colonnello Rostov sta cercando di estorcere dalla memoria di Bucky i codici per attivare il programma Zephir, tre superagenti sovietici in incognito negli Stati uniti dagli anni ottanta. Il nostro protagonista capisce che per salvarsi è costretto a fuggire e nel corso di un nuovo combattimento nell'arena contro il redivivo Unicorno, approfitta del raggio distruttivo del suo nemico per creare un’apertura nelle mura, e colpire il serbatoio principale del gas, che fa splodere un ala della prigione creando caos e confusione. Facendosi strada verso il perimetro esterno l'ex Capitan America viene raggiunto dalla Vedova Nera che lo aiuta a fuggire a bordo dell’elicottero. Intanto, negli Stati Uniti, Steve Rogers discute con Nick Fury sulla recente missione in cui hanno distrutto una fabbrica di armature segreta e degli agenti dormienti. Successivamente Rogers ha un colloquio con il Presidente degli Stati uniti che gli annuncia che James Barnes è un fuggitivo e non potrà più essere Capitan America, invitandolo a riconsiderare di riprendere il suo ruolo. Steve riflette sul da farsi lieto che il suo amico sia sano e salvo.

30 pagine

protagonisti: James "Bucky" Barnes/Winter Soldier, Black Widow, Steve Rogers, Unicorn
apparizioni: Nick Fury

da Captain America vol 1 # 619, Marvel Comics (Ago 2011)
Captain America vol 1 # 615.1
Captain America
Capitan America .1
Ed Brubaker (script) / Mitchell Breitweiser (art) / Mitchell Breitweiser (inks)
Nonostante abbia abbandonato il suo ruolo di Capitan America, Steve Rogers, oggi a capo della sicurezza nazionale, non rinuncia a combattere sul campo e sventare le minaccie che gli si presentono. Altrove, David Rickford, ex-soldato delle forze speciali noto per il suo eroismo, viene addestrato per essere il nuovo Capitan America, in modo tale da prendere il posto di James Barnes attualmente in prigione. Il nuovo Capitan America esordisce in pubblico sventando una rapina. Steve Rogers, ricordando di quanti dopo di lui hanno indossato il costume della bandiera americana e quanto sia difficile sopportarne la pressione, si mette sulle sue traccie assistendo alla sua cattura da parte dell'AIM. Steve interviene in suo aiuto liberandolo prima che i terroristi lo trasformino in un M.O.D.O.K. Alla fine il falso Capitan America, su richiesta di Steve, rinuncia al costume rimproverandogli di aver abbandonato il suo ruolo. Intanto Sharon Carter scopre che dietro alla nascita del nuovo Capitan America c'è lo zampino di Nick Fury il quale ha inscenato tutto per spigere Steve a riprendere il suo ruolo di Capitan America. Sharon è d’accordo con Fury decidendo si mantenere il segreto e sperando che Steve torni a essere Capitan America.

22 pagine

protagonisti: Steve Rogers
apparizioni: Sharon Carter, Nick Fury

da Captain America vol 1 # 615.1, Marvel Comics (Mag 2011)