Utenti registrati: 2830

Ci sono 0 utenti registrati e 37 ospiti attivi sul sito.

Ultimo commento

undefined su

Login




Recupera password




[torna indietro]
ATTENZIONE:Per registrarsi su Comicsbox collegati da un computer desktop o tablet

Non sei registrato? Iscriviti subito!


Vai alla pagina Facebook
Vai alla pagina Twitter
ComicsBox
Fantastici Quattro (II) # 291

Fantastici Quattro (II) # 291 | Esodo dal pianeta Terra

Panini Comics Gennaio 2009
Fantastic Four vol 1 # 555
Fantastic Four
I più grandi del mondo, pt 2
Mark Millar (script) / Bryan Hitch (art) / Paul Neary (inks) / Bryan Hitch (inks)
Alyssa Moy, vecchia fiamma di Reed ai tempi dell'università, insieme a suo marito, Ted Castle, accompagnano Reed a una visita su Nu-Word, una copia della Terra, situata in una dimensione parallela, che la coppia sta costruendo perché convinta che fra dieci anni la terra originale sarà inabitabile a causa di una disastrosa catastrofe ambientale. I due gli chiedono di abbandonare la sua attività di supereroe e trasferirsi su Nu-Word per collaborare al completamento del progetto. Reed promette di pensarci, poi, tornato a casa, dopo un veloce incontro con Ben, riparte immediatamente, attraverso un tunnel spazio-temporale, verso una galassia sconosciuta. Ben sospetta che non sia l'usuale curiosità scientifica a spingerlo al viaggio, ma l'incontro con la vecchia fiamma Alyssa e teme che lei possa mettere in crisi il matrimonio con Sue. Reed dal canto suo ha la testa persa in mille pensieri e sembra non preoccuparsi per nulla di sua moglie e dei bambini. Nel frattempo Johnny, mentre si precipita alle prove del suo nuovo gruppo musicale, é costretto a fermarsi per sventare una rapina perpetrata da una sconosciuta supercriminale. Nel corso dello scontro, la donna, dopo essere riuscita ad abbatterlo grazie ai suoi poteri psionici, lo seduce con un bacio appassionato. Intanto nella base del Polo Nord, Alyssa e Ted vengono avvertiti che CAP, un gigantesco robot programmato per neutralizzare la presenza di armi e strumenti di morte su Nu-World, é riuscito a varcare la nostra Terra iniziando a distruggere metodicamente tutte le installazioni militari.

22 pagine

protagonisti: Mr Fantastic, Human Torch, The Thing, Ted Castle, Alyssa Moy, Psionics (1ª apparizione)

da Fantastic Four vol 1 # 555, Marvel Comics (Mag 2008)
Captain Marvel vol 5 # 3
Captain Marvel
Fonti anonime
Brian Reed (script) / Lee Weeks (art) / Stefano Gaudiano (inks) / Jackson Butch Guice (inks)
Sull'eliveivolo dello SHIELD Capitan Marvel e Iron Man respingono l'assalto degli Skrull spacciatisi per soldati Kree. Iron Man è ormai a conoscenza dell'infiltrazione degli alieni mutaforma e tre giorni dopo invia l'agente Heather Sante a indagare sulla chiesa di Hala, la setta religiosa che si sta diffondendo in tutto il paese. Anche il giornalista Nathan Jefferson si sta interessando alla chiesa ma mentre quest'ultimo, nonostante sia entrato nella loro filiale di Los Angeles, finora ha scoperto ben poco, l'agente Sante trova il cadavere di uno Skrull ottenendo così la prova che gli alieni si sono infiltrati nella setta. Intanto Capitan Marvel, alla ricerca della memoria perduta, rivive una scena in cui si trova prigioniero su un'astronave Skrull. Il ricordo termina con lui che precipita sul quadro di Le Brun, il dipinto che lo ossessiona fin dal suo ritorno. Confuso ma deciso a scoprire la verità, Mar-Vell, dopo aver chiesto aiuto a Carol Danvers, si reca nella prigione 42 all'interno della quale si trova recluso l'Uomo Cobalto, il supercriminale affrontato recentemente che doveva essere morto. Capitan Marvel ha intuito che il recente scontro, così come quello avuto in Francia con Cyclone, non è stato causale e come si aspettava scopre che l'Uomo Cobalto è uno Skrull. La cosa più sconcertante sono però le seguenti parole dell'alieno che gli rivela che lui non è il vero Capitan Marvel originale ma bensì uno Skrull.

22 pagine

protagonisti: Captain Marvel (Khn'nr), Iron Man, Ms. Marvel, Heather Sante, Nathan Jefferson, Skrull

da Captain Marvel vol 5 # 3, Marvel Comics (Mar 2008)
She-Hulk vol 2 # 22
She-Hulk
Verdi orizzonti, pt 1
Peter David (script) / Shawn Moll (art) / Victor Olazaba (inks)
She-Hulk ha iniziato a lavorare per la Freeman Bonding Inc., una consociata dello studio legale Lieber Kurtzberg e Book, che si occupa di rintracciare gli assistiti che si sono sottratti alla custodia cautelare. Il suo primo incarico è quello di rintracciare Hi-Lite, uno scalcinato ladro in costume, che la nostra protagonista va a stanare in Minnesota presentandosi non nelle gigantesche fattezze verdoline ma bensì nella più fragile identità di Jennifer Walters. Il fuggitivo si rivela innocuo e si lascia ammanettare senza problemi, peccato che da una porta spunti fuori Crusher Creel, lo spietato Uomo Assorbente nonché cugino di Hi-Lite, che senza troppi convenevoli le spezza il collo. Creel si dirigge all'esterno ma da un pulmino parcheggiato all'esterno sbuca fuori She-Hulk che inizia a colpirlo con una serie di cazzotti. Mentre all'interno l'altra Jen si rialza e riaddrizzandosi il collo come se niente fosse impedisce la fuga di Hi-Lite, all'esterno della casa She-Hulk, nel corso della battaglia con l'Uomo Assorbente, scopre che sua moglie Titania, ancora in dimensioni microscopiche, si è fatta strada dentro il suo orecchio, iniziando a martellarlo di pugni e spaccandogli le ossa dall'interno.

22 pagine

protagonisti: She-Hulk, Jennifer Walters/Jazinda (1ª apparizione), Hi-Lite (1ª apparizione), Titania, Absorbing Man

da She-Hulk vol 2 # 22, Marvel Comics (Dic 2007)
She-Hulk vol 2 # 23
She-Hulk
Verdi orizzonti, pt 2 1ª parte
Peter David (script) / Shawn Moll (art) / Victor Olazaba (inks)
She-Hulk, nel tentativo di recuperare un criminale fuggitivo chiamato Hi-Lite, si è ritrovata a scontrarsi con Crusher Creel alias l'Uomo Assorbente rivelatosi essere il cugino del latitante. La battaglia si è trascinata all'interno di un centro commerciale dove la nostra verde protagonista, oltre a combattere con l'Uomo Assorbente si trova costretta a subire l'attacco "interno" della compagna di Creel, Titania. La donna, ancora ridotta a dimensioni microscopiche¹, è riuscita a intrufolarsi nell'orecchio di She-Hulk e con i suoi colpi la sta facendo impazzire dal dolore. Fortunatamente, nel corso dello scontro uno dei pugni dell'Uomo Assorbente inavvertitamente fa sbalzare fuori Titania dal suo orecchio permettendo a She-Hulk di continuare il suo scontro con il suo avversario in un acquario con gli squali. La battaglia si conclude quando arriva la seconda Jennifer Walters, quella dal collo spezzato, che stringe fra le dita la minuscola Titania e la getta nelle fauci dello squalo. Creel perde il controllo e assorbe inavvertitamente le proprietà dell'acqua, disperdendosi in essa. Alla fine scopriamo che la Jennifer sopravvissuta alla rottura del collo, è una collega cacciatrice di taglie di She-Hulk, una skrull chiamata Jazinda che per l'occasione aveva assunto le sembianze della sua compagna di squadra.

(¹) Titania è fuggita dal Lang Memorial Penitentiary, un carcere speciale in cui si "ristringono" i detenuti superumani utilizzando le particelle Pym.

22 pagine

protagonisti: She-Hulk, Jazinda, Hi-Lite, Titania, Absorbing Man

da She-Hulk vol 2 # 23, Marvel Comics (Gen 2008)