Utenti registrati: 3348

Ci sono 3 utenti registrati e 145 ospiti attivi sul sito.

cmarchioro77 / DanVilla / laracelo

Ultimi commenti

rikkinadir su Batman: La Leggenda # 77, Mordakan su Special Events # 97, majinberto su Special Events # 99, majinberto su Marvel Collection # 158, majinberto su Marvel Collection # 231,

Login




Recupera password




[torna indietro]
ATTENZIONE:Per registrarsi su Comicsbox collegati da un computer desktop o tablet

Non sei registrato? Iscriviti subito!


Vai alla pagina Facebook
Vai alla pagina Twitter
ComicsBox
Capitan America # 43

Capitan America # 43

Editoriale Corno Dicembre 1974
Captain America vol 1 # 127
Captain America
Io, un traditore?
Stan Lee (script) / Gene Colan (art) / Wally Wood (inks)
Nella base segreta dello SHIELD Capitan America è impegnato a testare una nuova armatura indossata da Nick Fury e realizzata dal Dr. Ryder, uno scienziato da poco assunto dall'organizzazione spionistica. Visto il successo della prova, gli agenti dello SHIELD utilizzano le nuove armature per introdursi all'interno di un covo dell'AIM. Durante lo scontro, nonostante le armature, gli uomini dell'organizzazione criminale non si fanno trovare impreparati e feriscono facilmente gli agenti dello SHIELD. Tornato alla base, Fury, ipotizzando la presenza di una spia all'interno della sua organizzazione, finisce per sospettare proprio di Capitan America ritenendo che possa trattarsi di un impostore. Utilizzando un androide costruito da Tony Stark, Fury impegna il nostro eroe in un confronto, convinto che solo il vero Capitan America abbia la possibilità di uscire indenne allo scontro. Quando l'eroe a stelle e strisce supera brillantemente la prova, l'androide prosegue lo scontro controllato a distanza dal Dr. Ryder che così rivela di essere la spia all'interno dello SHIELD. Alla fine lo scienziato viene fermato e l'androide disattivato, ma Cap, già provato per la sua sofferta relazione con Sharon Carter, abbandona mestamente la base deluso dalla poca fiducia che gli hanno dimostrato i suoi compagni.

19 pagine

protagonisti: Captain America (Steve Rogers), Nick Fury, Sharon Carter
apparizioni: Dum Dum Dugan, Tony Stark

da Captain America vol 1 # 127, Marvel Comics - USA (Lug 1970)
Uncanny X-Men vol 1 # 42
X-Men
Se morissi
Roy Thomas (script) / Don Heck (art) / George Tuska (inks)
Bestia e Ciclope, dopo essersi fatto fuggire Grottesco, tornano a Westchester chiedendo spiegazioni a Jean del mancato intervento dei suoi compagni. La ragazza non fornisce chiarimenti dichiarando di seguire gli ordini del professore. Successivamente Xavier, raggiunto Grottesco, cerca insieme a Marvel Girl di impedirgli di attivare la macchina che potrebbe distruggere la Terra. In quel momento gli X-Men si uniscono al loro mentore impegnandosi in una battaglia contro l'antropoide. Xavier riesce a fermare la macchina ma l'insegnante è coinvolto nell'esplosione che uccide Grottesco. Ferito gravemente Xavier confida ai suoi ragazzi di essere malato da tempo e, felice perché il suo sacrificio ha salvato la Terra, esala il suo ultimo respiro tra le braccia di Angelo attorniato dai suoi compagni.

15 pagine

protagonisti: Charles Xavier, Jean Grey, Cyclops, Angel, IceMan, Beast, Grotesk

da Uncanny X-Men vol 1 # 42, Marvel Comics - USA (Mar 1968)
Uncanny X-Men vol 1 # 42
Cyclops
La fine o l'inizio?
Roy Thomas (script) / Werner Roth (art) / Herb Trimpe (inks)
Jack Diamond, trasformato in un diamante vivente, tenta di uccidere Xavier ma Scott prende le difese del telepate e tenta di difenderlo. I due si rifugiano in un laboratorio nucleare e Scott, seguendo le  
istruzioni mentali di Xavier, attiva una macchina che disintegra Jack. Xavier gli propone di aiutarlo a formare un gruppo di mutanti, Scott accetta e dotato di un costume e un visore per controllare il suo  
raggio assume il nome di battaglia di Ciclope.

5 pagine

protagonisti: Charles Xavier, Cyclops, Jack O' Diamonds

da Uncanny X-Men vol 1 # 42, Marvel Comics - USA (Mar 1968)