Utenti registrati: 3556

Ci sono 5 utenti registrati e 134 ospiti attivi sul sito.

branko / Deboroh / eotvos / nickdeckard / NeeC

Ultimi commenti

nickdeckard su DC Young Animal Collection # 2, ilonand su Marvel Omnibus # 76, MarkSpector6 su Batman: The Killing Joke # 1, fede97 su Dylan Dog # 133, fede97 su Dylan Dog # 133,

Login




Recupera password




[torna indietro]
ATTENZIONE:Per registrarsi su Comicsbox collegati da un computer desktop o tablet

Non sei registrato? Iscriviti subito!


Vai alla pagina Facebook
Vai alla pagina Twitter
ComicsBox
Ultimates # 2
Copertina di Bryan Hitch

Ultimates # 2 | Tuono

Marvel Italia Gennaio 2003
Ultimates vol 1 # 3
Ultimates
21th century boy
Mark Millar (script) / Bryan Hitch (art) / Andrew Currie (inks)
Il corpo ibernato di Capitan America, il super-soldato creato nella Seconda Guerra Mondiale e creduto finora morto, è stato rinvenuto in perfette condizioni. Portato nella struttura governativa dello SHIELD, il riveglio dal coma del vecchio super eroe nazionale è, come prevedibile, traumatico nel momento in cui viene informato di essere rimasto addormentato per più di cinquanta anni. Con il passare dei giorni, Steve Rogers sembra pian piano ambientarsi al nuovo secolo in cui si è risvegliato e così decide di far visita al suo più caro amico durante la guerra, Bucky Barnes trovandolo come logico invecchiato e sposato con colei che sarebbe dovuta diventare sua moglie alla fine della seconda guerra mondiale.
Capitan America decide di unirsi agli Ultimates venendo presentato alla stampa durante la pomposa festa per l'inaugurazione della loro nuova base il Triskelion, una enorme isola artificiale nella baia di Manhattan.

22 pagine

protagonisti: Nick Fury (ultimate), Iron Man (ultimate), Giant-Man (ultimate), Wasp (ultimate), Hulk (ultimate), Captain America (ultimate), Bucky Barnes (ultimate)

da Ultimates vol 1 # 3, Marvel Comics - USA (Mag 2002)
Ultimates vol 1 # 4
Ultimates
Tuono
Mark Millar (script) / Bryan Hitch (art) / Andrew Currie (inks)
Mentre Tony Stark si trova su un satellite in vacanza con una attrice, Giant Man da dimostrazione dei suoi poteri alla stampa, e Janet van Dyne cerca di aiutare Steve Rogers a rimettere insieme quello che resta della sua vita, Nick Fury accompagnato da Bruce Banner, giunge in Norvegia per cercare di convincere ad arruolarsi nella loro squadra Thor, un uomo che si definisce il figlio di Odino. Thor, rappresentanto come una sorta di santone no global, dichiara di non essere interessato agli Ultimates, definendoli come un'organizzazione imperialista asservita al potere corrotto americano. Banner cerca di scuotere Thor dicendogli di essere solo un ex infermiere che in seguito a un crollo nervoso ha passato diciotto mesi in un ospedale psichiatrico. Per nulla turbato Thor scatena una tempesta in dimostrazione dei suoi poteri.
Qualche giorno più tardi, Bruce Banner, dopo aver ascoltato una conversazione in cui i suoi compagni lo prendono in giro, si trova ad avere una discussione con l'ex fidanzata Betty Ross, direttore delle relazioni pubbliche degli Ultimates. Quest'ultima gli rimprovera di non avere abbastanza intraprendenza e di lasciarsi scavalcare dagli altri (Hank Pym è appena stato promosso a numero uno del progetto super soldato, mentre il posto doveva essere di Banner). Spinto da un misto di gelosia e frustrazione, Banner si inietta nuovamente il siero trasformandosi nel pieno di Manhattan nell'incredibile Hulk!

22 pagine

protagonisti: Nick Fury (ultimate), Captain America (ultimate), Iron Man (ultimate), Giant-Man (ultimate), Wasp (ultimate), Thor (ultimate) (1ª apparizione), Hulk (ultimate), Betty Ross (ultimate)

da Ultimates vol 1 # 4, Marvel Comics - USA (Giu 2002)